La raccolta di Silvia, Oddio è Lunedì

Oddio è lunedì #64

rubrica settimanaleUno strano mese. Ancora 10 giorni e poi giugno sarà alle spalle. Partito con le migliori intenzioni, è stato via via un crescendo di stanchezza, intoppi e momenti di sconforto alternati ad altri energici. Un mese strano, pienissimo, lunghissimo. Il primo mese in cui ho saltato ben due appuntamenti con la rubrica: perché? Qualcuno lo chiama panico da foglio bianco, io l’ho chiamato “troppe idee e ben confuse”: quando vuoi fare tante cose e, non sapendo da quale iniziare, ti immobilizzi indecisa con la penna (o nel mio caso il mouse) a mezz’aria

Spero solo che passi. Per oggi faccio mia la frase che ho trovato in una newsletter a cui sono abbonata e che vado a tradurvi: “In quanto creativi sogniamo in grande e ci diamo obiettivi molto grandi. Poi ci colpevolizziamo se arriviamo all’80% anziché al 100% di quegli obiettivi. Ora ho capito che anche l’80% va bene. E l’altra cosa che ho imparato è che a volte quel 20% che manca non è nemmeno importante.” Insomma, ricordiamoci sempre che “Abbastanza bene è bene abbastanza”: ne va della nostra salute.

Una board di Pinterest

Organization

pinterest board organization

Buttare, organizzare, riordinare sono le attività che mi svuotano la testa e me la alleggeriscono: il vuoto nei cassetti si traduce inevitabilmente in leggerezza nella testa, lasciare andare qualcosa che non mi dà più gioia mi fa bene.

Una board ricca di spunti sul riordino e l’organizzazione visti sia dal punto di vista della casa che da quello del lavoro.

Un profilo Instagram

@antigravityfitness

AntiGravity Fitness (@antigravityfitness) su Instagram

Il mese di giugno è stato quello in cui ho iniziato a praticare antigravity yoga. Anche in questo caso sono partita alla grande per poi fare tanta fatica, ma non demordo, non devo! Questo è il profilo ufficiale di questa forma di fitness in sospensione: alcuni movimenti li ho fatti anch’io, altri sogno di farli. Intano guardo e mi ispiro.

Un video

Le donne e lo smartphone

No, io non sono così. Nego. Ok, forse a volte. Va bene, va bene: quella che sarebbe colta da un attacco di panico se lasciasse lo smartphone sul taxi ha una notevole somiglianza con me!

Un video per ridere di noi e riflettere sul rapporto che abbiamo con lo smartphone (donne E uomini)

Un indirizzo

Postrgram

Postrgram Photo Mosaics

Ho voglia di stampare le foto: basta farle vivere solo nel computer o nel telefono, le voglio sui muri! Un servizio che voglio provare appena avrò un numero maggiore di #kisswiththehat sarà questo. Postrgram prende le vostre foto di Instagram, le assembra fino a creare un’altra delle vostre fotografie Instagram: da lontano vedrete solo la foto grande, avvicinandovi vedrete anche tutte le foto piccole che vanno a comporre la foto grande.

La grafichetta del lunedì

La cura per tutto è l'acqua salata: sudore, lacrime o mare

2 Comments

  1. Sara Salvarani

    22 Giugno 2015 at 15:07

    Io sono quella che va in crisi se si spegne il cellulare mentre usa il navigatore. 😀

    1. Silvia Lanfranchi

      22 Giugno 2015 at 16:08

      Quello non è proprio previsto: anche se la batteria è al 100% appena salgo in macchina lo attacco al carica batterie 😀 #siamodaricoverocoatto

Leave a Reply